NPL, sono una reale minaccia?

NPL, sono una reale minaccia?

Il Team M&GF Project - ven 01 apr 2022 - npl , crediti deteriorati , crisi d'impresa e insolvenza , tasso di deterioramento , banche , gestione del rischio

L’ABI (Associazione Bancaria Italiana) e Cerved, hanno rilasciato il loro consueto report annuale sullo stato degli NPL delle imprese italiane 

Nell’arco del 2022 si assisterà ad una crescita degli NPL con conseguente aumento del rischio di insolvenza almeno a breve termine, in particolar modo tra le microimprese e nei servizi. Appaiono migliori, invece, le prospettive per l’edilizia.  

 

Nel 2021 i tassi di deterioramento delle imprese italiane si sono mantenuti su livelli molto bassi (2,1%).  

Per tasso di deterioramento ci riferiamo al rapporto tra il numero delle posizioni creditizie che nel corso dell’anno si deteriorano (ovvero sono crediti scaduti, inadempienze probabili o crediti in sofferenza), e lo stock di posizioni non deteriorate all’inizio dello stesso anno.  

Con la fine delle misure di emergenza il flusso di nuovi crediti deteriorati è atteso in crescita nel 2022 del 3,8%*. 

Questo perché tali provvedimenti avevano fino ad ora favorito la prosecuzione dell’attività delle imprese e mitigato l’aumento dei crediti a rischio. 

A livello settoriale, il settore dei servizi sarà quello più penalizzato dagli impatti della pandemia facendo registrare i rialzi più pronunciati dei nuovi crediti in default (dal 2,8% del 2019 al 3,7% del 2023).   

Bisogna preoccuparsi? 

Ci sono diverse ragioni che portano a giudicare negativamente l’impatto dei crediti deteriorati, non solo per le singole banche ma anche per il Paese: 

  • Se una banca accumula in bilancio troppi crediti di cattiva qualità, dovrà accantonare maggiori risorse, per tutelarsi nel caso in cui ad un certo momento non si potesse più riscuotere il prestito;  

  • L’economia dell’area Euro è fortemente dipendente dall’erogazione del credito bancario, che potrebbe contrarsi 

Secondo uno studio di Banca Ifis, l’ammontare dei crediti deteriorati nei bilanci degli istituti di credito raggiungerà il 7.8%** a fine 2022. 

E’ importante vigilare su tali crediti poiché il loro accumulo è legato alla ripresa post-pandemica che è necessario rafforzare (anche in virtù degli ultimi avvenimenti geopolitici) per evitare spiacevoli ritorni alle condizioni del passato.  

Approfondimenti:

*Creditnews

Prodotti Correlati

SpeedUp Risk

SpeedUp Risk

La soluzione a supporto del calcolo del fido e gestione del rischio di credito




Le ultime News dal mondo M&GF

Tribunali, nel 2023 aumentati del 26% i fallimenti e le liquidazioni giudiziali

Tribunali, nel 2023 aumentati del 26% i fallimenti e le liquidazioni giudiziali

E' interessante apprendere da un articolo pubblicato recentemente sul quotidiano La Stampa che nel solo anno 2023 il numero di procedure aperte per liquidazioni e fallimenti sia aumentato...

SCOPRI
Webinar Integrare i servizi di Credit Management

Webinar Integrare i servizi di Credit Management

Come integrare in un unico sistema applicativo i diversi servizi legati al Credit Management nell'ambito della gestione Order to Cash. La gestione del credito, se integrata a servizi esterni e...

SCOPRI
Recupero crediti con WhatsApp...un'opportunità?

Recupero crediti con WhatsApp...un'opportunità?

Quando parliamo di recupero di crediti è sempre necessario fornire delle prove che dimostrino che abbiamo provveduto a sollecitare il debitore secondo le norme.Ci sono diverse vie a...

SCOPRI
Webinar: L'utilizzo di WhatsApp nella gestione del credito e implicazioni legali

Webinar: L'utilizzo di WhatsApp nella gestione del credito e implicazioni legali

WhatsApp è una piattaforma che ad oggi conta oltre 2 miliardi di utenti e viene utilizzata in oltre 180 paesi, con un traffico di circa 100 miliardi messaggi al giorno e con un tasso di...

SCOPRI