Aumenteranno i tassi e conseguentemente il costo dell’esposizione...

Aumenteranno i tassi e conseguentemente il costo dell’esposizione...

Il Team M&GF Project - ven 20 mag 2022 - rapporto abi , banca d'italia , bce , mercato creditizio , tassi interesse , gestione del credito , dso , incassi

 

Secondo l’ultimo rapporto mensile ABI* di aprile prosegue e si rafforza leggermente la crescita dell'erogazione di prestiti bancari a imprese e famiglie in Italia aumentati del 2,6% rispetto a un anno fa. 

 

I tassi di interesse sulle operazioni di finanziamento si mantengono per ora ancora a livelli bassi,ma in crescita, in media 2,16%, a fronte del 2,14% di marzo.  

Il tasso medio sulle nuove operazioni di finanziamento alle imprese si è attestato all'1,26%, dall'1,23% il mese precedente .

Il tasso medio sui nuovi mutui, ossia prestiti per l'acquisto di abitazioni è salito all'1,82%, a fronte dell'1,66% di marzo. Si tratta del valore più alto dal maggio del 2019, secondo le tabelle dell'Abi, ma è riuscito (per ora) a rimanere vicino ai livelli di questa fase attuale di tassi storicamente bassi.  

 

Per quanto riguardo lo spread  in Italia si conferma a 171 punti base.  

Nonostante la situazione geopolitica attuale, nel primo trimestre 2022 il Pil dell’ Euro Zone ha registrato un aumento pari al + 0.2% rispetto al trimestre precedente. La produzione industriale frena, ma crescono le vendite al dettaglio rispetto all’anno scorso.  

 

Da sottolineare però come nel mese di marzo l’indice dei prezzi al consumo è aumentato, l’inflazione si è attestata al +7.4%.  

 

La presidente della BCE Christine Lagarde, ha già anticipato che la Banca centrale europea potrebbe intervenire sul costo del denaro già a luglio.

Secondo Lagarde “la guerra potrebbe dimostrarsi un punto di non ritorno, facendo diventare la geopolitica più importante per la struttura delle catene di fornitura globali»

Non si tratta di un compito facile poiché l’inflazione è un problema ma se si aumentano troppo i tassi il Paese va in recessione. **

 

Possiamo desumere da questo scenario  che il tasso di finanziamento alle imprese crescerà progressivamente nei prossimi mesi e conseguentemente aumenteranno i costi per finanziare il capitale circolante. 

In quest’ottica la riduzione dello scaduto (e quindi del DSO) diventerà una priorità per le aziende.

 

*Rapporto ABI 

**Corriere Della Sera 





Le ultime News dal mondo M&GF

Come l’attuale contesto economico sta comprimendo il MOL e cosa rischiano le aziende?

Come l’attuale contesto economico sta comprimendo il MOL e cosa rischiano le aziende?

Gli ultimi eventi globali hanno avuto un forte impatto sulla salute delle nostre imprese. Chiunque gestisca un’attività deve ripensare alla strategia aziendale, non basta infatti...

SCOPRI
Crescita record per i pagamenti digitali: l'evoluzione del cashless

Crescita record per i pagamenti digitali: l'evoluzione del cashless

  Negli ultimi anni si è assistito a un’evoluzione nella modalità di pagamento con uno spostamento decisivo verso le soluzioni digitali, fenomeno già consolidato da...

SCOPRI
Schizzano i premi per il ramo del credito

Schizzano i premi per il ramo del credito

  Nel 2021, secondo Ania*,  i premi contabilizzati nel settore del credito sono aumentati del 14.5% (a 644 milioni) rispetto al 2020. Il mondo delle assicurazioni è riuscito a...

SCOPRI
L’accesso al credito delle aziende passa anche dagli ESG

L’accesso al credito delle aziende passa anche dagli ESG

Risparmio energetico, sostenibilità, e welfare aziendale sono ormai al centro dei dibattiti politici e piani industriali e sono divenuti ormai anche i fattori fondamentali, insieme ai dati...

SCOPRI