Aumenteranno i tassi e conseguentemente il costo dell’esposizione...

Aumenteranno i tassi e conseguentemente il costo dell’esposizione...

Il Team M&GF Project - ven 20 mag 2022 - rapporto abi , banca d'italia , bce , mercato creditizio , tassi interesse , gestione del credito , dso , incassi

 

Secondo l’ultimo rapporto mensile ABI* di aprile prosegue e si rafforza leggermente la crescita dell'erogazione di prestiti bancari a imprese e famiglie in Italia aumentati del 2,6% rispetto a un anno fa. 

 

I tassi di interesse sulle operazioni di finanziamento si mantengono per ora ancora a livelli bassi,ma in crescita, in media 2,16%, a fronte del 2,14% di marzo.  

Il tasso medio sulle nuove operazioni di finanziamento alle imprese si è attestato all'1,26%, dall'1,23% il mese precedente .

Il tasso medio sui nuovi mutui, ossia prestiti per l'acquisto di abitazioni è salito all'1,82%, a fronte dell'1,66% di marzo. Si tratta del valore più alto dal maggio del 2019, secondo le tabelle dell'Abi, ma è riuscito (per ora) a rimanere vicino ai livelli di questa fase attuale di tassi storicamente bassi.  

 

Per quanto riguardo lo spread  in Italia si conferma a 171 punti base.  

Nonostante la situazione geopolitica attuale, nel primo trimestre 2022 il Pil dell’ Euro Zone ha registrato un aumento pari al + 0.2% rispetto al trimestre precedente. La produzione industriale frena, ma crescono le vendite al dettaglio rispetto all’anno scorso.  

 

Da sottolineare però come nel mese di marzo l’indice dei prezzi al consumo è aumentato, l’inflazione si è attestata al +7.4%.  

 

La presidente della BCE Christine Lagarde, ha già anticipato che la Banca centrale europea potrebbe intervenire sul costo del denaro già a luglio.

Secondo Lagarde “la guerra potrebbe dimostrarsi un punto di non ritorno, facendo diventare la geopolitica più importante per la struttura delle catene di fornitura globali»

Non si tratta di un compito facile poiché l’inflazione è un problema ma se si aumentano troppo i tassi il Paese va in recessione. **

 

Possiamo desumere da questo scenario  che il tasso di finanziamento alle imprese crescerà progressivamente nei prossimi mesi e conseguentemente aumenteranno i costi per finanziare il capitale circolante. 

In quest’ottica la riduzione dello scaduto (e quindi del DSO) diventerà una priorità per le aziende.

 

*Rapporto ABI 

**Corriere Della Sera 





Le ultime News dal mondo M&GF

Webinar: Il Credit Management come fonte di valore ed.2024

Webinar: Il Credit Management come fonte di valore ed.2024

Una visione ormai desueta dei ruoli aziendali vuole il Credit Manager come il naturale e fastidioso oppositore della forza vendite e l’ufficio crediti come un male necessario, una fonte di...

SCOPRI
Arriva l'Intelligenza Artificiale

Arriva l'Intelligenza Artificiale

  L’intelligenza artificiale sta rivoluzionando in brevissimo tempo e in maniera significativa la nostra società. In queste settimane l’attenzione dell’Europa è...

SCOPRI
Tribunali, nel 2023 aumentati del 26% i fallimenti e le liquidazioni giudiziali

Tribunali, nel 2023 aumentati del 26% i fallimenti e le liquidazioni giudiziali

E' interessante apprendere da un articolo pubblicato recentemente sul quotidiano La Stampa che nel solo anno 2023 il numero di procedure aperte per liquidazioni e fallimenti sia aumentato...

SCOPRI
Webinar Integrare i servizi di Credit Management

Webinar Integrare i servizi di Credit Management

Come integrare in un unico sistema applicativo i diversi servizi legati al Credit Management nell'ambito della gestione Order to Cash. La gestione del credito, se integrata a servizi esterni e...

SCOPRI